Arte in Svizzera: una mostra per viaggiare

Arte in Svizzera
Paul Gauguin,
Aha oe feii?, 1892
Photograph © The Pushkin State Museum of Fine Arts, Moscow

Una bella mostra può fornire un piacevole pretesto per mettersi in viaggio. SvizzerAmo ha selezionato alcune esposizioni d’arte in corso nella Confederazione da qui all’estate. Se avete suggerimenti su altre mostre che avete già visto o avete intenzione di vistare, scriveteci!

BASILEA (BS)

Arte in Svizzera
Da Cézanne a Richter, capolavori al Kunstmuseum Basel

Fino al 21 febbraio 2016
Da Cézanne a Richter, capolavori al Kunstmuseum Basel
Museum für Gegenwartskunst
Info: www.kunstmuseumbasel.ch

La mostra, curata da Bernhard Mendes Bürgi, invita a compiere un viaggio nella pittura europea volto a coglierne gli sviluppi fino agli anni ’70 del Novecento. Si esordisce con gli artisti francesi pionieri dei nuovi linguaggi visivi per arrivare al ciclo di Gerhard Richter, intitolato “L’Annunciazione secondo Tiziano”, un’opera di recente acquisizione da parte del museo. In mostra ci sono lavori di una settantina di grandi artisti quali Cézanne, Pissarro, Monet, Degas, Renoir, van Gogh, Modersohn-Becker, Böcklin, Hodler, Braque, Picasso, Kandinsky, Mondrian, Klee, Miró, Fontana, Palermo, Tanguy e Richter. La rassegna è stata allestita al Museum für Gegenwartskunst (il Museo di Arte Contemporanea) poiché l’edificio principale del Kunstmuseum Basel è chiuso per lavori di ristrutturazione.

Fino al 28 giugno 2015
Paul Gauguin
Fondazione Beyeler, Riehen, (BS)
Info: www.fondationbeyeler.ch/en/Home

Un nome, una garanzia. Paul Gauguin (1848-1903) è in mostra alla Fondazione Beyeler di Riehen, un comune dell’hinterland di Basilea. La rassegna raccoglie una cinquantina di capolavori provenienti da collezioni private e musei internazionali e si focalizza in particolare sulla produzione artistica di Tahiti. Emergono così i colori vivaci, i volti femminili, la natura e l’esotismo prorompente dei mari del sud. Un’impronta stilistica che contraddistingue il lavoro del maestro francese.

BERNA (BE)

Arte in Svizzera
Henry Moore   © Tate, London 2014 © The Henry Moore Foundation, All Rights Reserved, www.henry-moore.org / 2014, ProLitteris, Zurich

Fino al 17 gennaio 2016
Klee a Berna

Fino al 25 maggio 2015
Henry Moore
Zentrum Paul Klee
Info: www.zpk.org

Lo Zentrum Paul Klee è il “tempio” dell’artista che ha trascorso metà della sua vita a Berna. In questo particolare edificio disegnato da Renzo Piano a forma di tre onde di vetro e acciaio, sono custodite 4’000 delle quasi 10’000 opere di Klee esposte a rotazione al pubblico intorno a un filone tematico particolare. La mostra in corso è dedicata proprio allo speciale rapporto che il maestro ha avuto con la città tra il 1890 e il 1907.

Nello stesso luogo, lo scultore inglese Henry Moore (1898-1986) è il protagonista di un’esposizione che raccoglie 28 sculture e 42 lavori su carta in arrivo dalle collezioni della Tate Gallery di Londra e del British Council. La peculiarità delle opere di Moore sta nella liberazione della figura umana dai classici canoni della scultura che agli inizi, negli anni Venti e Trenta del Novecento, furono accolti come uno scandaloso attacco alla Tradizione.

LOSANNA (VD)

Fino al 25 maggio 2015
Da Raffaello a Gauguin, tesori dalla Collezione Jean Bonna
Fondation de l’Hermitage
Info: www.fondation-hermitage.ch

La Fondation dell’Hermitage dedica spazio periodicamente alle opere di collezionisti privati svizzeri e stranieri. “Da Raffaello a Gauguin” presenta la sofisticata raccolta del bibliofilo e appassionato d’arte ginevrino Jean Bonna: spinto dalla passione per la carta e per il bello, in più di trent’anni è riuscito a comporre una raccolta di disegni di artisti dal Rinascimento italiano agli inizi del XX secolo. Dopo le mostre all’École nationale supérieure des beaux-arts, Parigi (2006), al Musée d’art et d’histoire, Ginevra (2007) e al Metropolitan Museum of Art, New York (2009), la collezione di Jean Bonna è ora in mostra a Losanna con una selezione varia di 150 opere grafiche di artisti quali Boucher, Carracci, Cézanne, Chardin, Degas, Delacroix, Gauguin, Géricault, Goya, Greuze, Guardi, Liotard, Lorrain, Manet, Raphael, Redon, Rembrandt, Renoir, Tiepolo e Watteau.

LENS (VS)

Fino al 19 aprile 2015
Realismo, una sinfonia degli opposti
Pierre Arnaud Foundation
Info: www.fondationpierrearnaud.ch

Il titolo di questa esposizione rimanda alla pluralità di linguaggi e multiformi sfaccettature di un’unica corrente pittorica: il realismo. In mostra si possono ammirare opere di Gustave Courbet, Ernest Biéler, Albert Chavaz, Rudolf Schlichter, Mario Sironi, Gustave Jeanneret e André Derain, tanti punti di vista quanti sono i suoi diversi epiteti: poetico, sociale, idealizzato, allegorico, impegnato, utopico… La sfida della mostra è quella di mostrare l’ambivalenza del realismo pittorico che oscilla tra idealismo e naturalismo, contestazione e reazione, modernità e nostalgia, pittura di genere e pittura storica.

MARTIGNY (VS)

Arte in Svizzera
Felix Vallotton, Baigneuse au rocher, 1911, olio su tela, 113 x 146 cm. In mostra alla Fondation Pierre Gianadda

Fino al 14 giugno 2015
Anker, Hodler, Vallotton, Segantini… Capolavori della Fondation pour l’Art, la Culture et l’Histoire
Fondation Pierre Gianadda
Info: www.gianadda.ch

La mostra, curata da Matthias Frehner direttore del Kunstmuseum Bern presenta 150 opere di artisti emblematici della Svizzera, selezionati dalla collezione della Fondation pour l’art, la culture et l’histoire, creata nel 1980 dal mecenate di Winterthur Bruno Stefanini. L’esposizione si sviluppa per temi: dipinti di paesaggio, di genere, rappresentazione di animali, nature morte, il simbolismo, il nudo, il bambino, ritratti e autoritratti. In un percorso che spazia dal 1762 alla metà del XX secolo e che coinvolge i visitatori con opere in massima parte di artisti svizzeri di gran fama come Albert Anker, Ferdinand Hodler, Félix Vallotton ai quali si aggiunge Giovanni Segantini, italiano ma attivo in Engadina. Oltre a questi quattro grandi artisti, ci sono maestri come Cuno Amiet, Alice Bailly, François Bocion, Alexandre Calame, Augusto e Giovanni Giacometti, Jean-Etienne Liotard ed Edouard Vallet.